42 Days

CURTIS HARDING (US)

Curtis Harding ha iniziato la sua carriera al seguito della madre cantante nei cori gospel del Michigan, ha attraversato poi una fase rap ad Atlanta, in seguito ha dato vita alla band garage Night Sun insieme a Cole Alexander dei Black Lips per poi ritrovarsi a cantare e scrivere i cori di Cee Lo Green di Gnarls Barkley. Tutte queste esperienze sono servite a Curtis per abbracciare le più oscure trame della vita che l’hanno portato a evocare melodie dinamiche e coinvolgenti. Harding alimenta il suo suono psichedelico con l’essenza del soul, ma senza restarvi vincolato e riuscendo invece a creare una miscela di generi che spaziano tra le sue diverse esistenze musicali.
Il New York Magazine ha lodato la sua “voce graffiante”, unica nel panorama musicale.


Curtis Harding crea musica che esiste sia nel passato che nel presente. È orgogliosamente ispirato dai suoni soul vintage, mentre mostra amore e rispetto per l'hip-hop contemporaneo e ha una mentalità sintonizzata con il mondo di oggi. I suoi primi album erano già lavori eccezionali che confermavano il suo talento nella comunità del retro-soul, con l'aggiunta di una pulsione visionaria e di una capacità di scrivere canzoni che gli consentivano di distinguersi per originalità. Ora si è ancor più rafforzato, con una serie di brani che hanno un impatto emotivo palpabile, mentre lui continua ad ampliare i suoi confini musicali.[ALL MUSIC]


Ti sei mai chiesto come suona slop’n’soul? Spoiler: è blues, gospel, rock pieno di sentimento ed è irreale.[BBC]